Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

LA ZUCCA GIALLA PDF Stampa E-mail
petronilla
Scritto da barbara   
Mercoledì 29 Settembre 2010 17:03
AddThis Social Bookmark Button

La zucca gialla (il "coperchio" di Petronilla)

zucche

Qui siamo a Montemignaio, e queste son zucche "da giardino", le tengono per bellezza ed hanno ragione! Questa meraviglia arancione di varie forme, intensità di colore, grandezza e possibilità di uso é veramente magica.
Le viene attribuito di tutto:  fiabe, feste, ricorrenze, giochi, strumenti musicali, rimedi di bellezza, svariati utensili, suppellettili e un tot di epiteti, alcuni anche non proprio veritieri: la zucca non è vuota ma piena di semi....che l'ingegno ed il bisogno (vanno spesso paripasso) hanno trasformato in quei meravigliosi gusci salati che, almeno io, sgranocchio tanto volentieri al cinema.


In cucina c'è davvero l'imbarazzo della scelta, non é un caso venisse chiamata "il maiale dei poveri".
Pulita e tagliata a tocchetti, si salta in padella con un po' di cipolla per un contorno.
Lessata con pochissima acqua e 1/3 del suo peso di patate, viene un notevole pure.
Tagliata a fette private della buccia, messa nell'uovo e nel pangrattato, viene fritta in olio bollente, salata e cosparsa di pecorino grattato.
Leggermente stufata, con aggiunta di acqua, qualche patata, porri e aromi a piacere, per una minestra.
Buona a marmellata, nella frittata e ancor di più il risotto.
Cotta in padella sempre a fette altine e sbucciata, salata da ambo le parti, con qualche spicchio di aglio e bagnata con aceto balsamico, é un'ottima base per della fette di formaggio come il taleggio; si metterà il tutto a gratinare in forno per 5 minuti, una spennellata di grani di senape sopra.
Per i tortelli, a breve la ricetta, per adesso sbizzarretevi con gli 'gnudi  di zucca, un po' più veloci da preparare:
zucca gialla
350 gr zucca chioggiotta (quella bella farinosa)
400 gr di ricotta di pecora
230 gr di farina bianca
40 gr di parmigiano grattato
3 uova
sale-pepe-amaretti-senape in polvere

Il peso della zucca é considerato da cotta (a fettone con la buccia in forno a 150 gradi fino a cottura). Passate o frullate la polpa e aggiungetela a freddo con gli altri ingredienti, aggiustate di sale e pepe, unite gli amaretti (5 o 6) tritati, un cucchiaino di senape in polvere (di questi ultimi 2 ingredienti le dose sono relative, dovete provare per il vostro gusto).
Mettiamo l'impasto in una tasca dal beccuccio liscio e tagliare con un coltellino gli 'gnudi direttamente nell'acqua bollente, salata. (Consiglio sempre una prima prova di consistenza).
Si possono condire con burro fatto sciogliere in un padellino con 2 o 3 foglie di alloro per aromatizzarlo, un po' di noce moscata e parmigiano.
Mi sarò sicuramente dimenticata altre possibilità? Mi date una mano?.

{jcomments on}

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Novembre 2010 11:59