Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

CREMA DI BUCCE DI BACCELLI PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara   
Mercoledì 28 Marzo 2012 13:53
AddThis Social Bookmark Button

 

 

 

Piatto di recupero, facile, veloce, super economico, impossibile da sbagliare, delizioso sia caldo che freddo. Di bell'aspetto e d' impatto gustativo...va fatta.

Per 6 persone più o meno:

1/2 kg di bucce di baccelli

2 spicchi di aglio (meglio fresco)

4 cipolline fresche

1 litro di brodo di verdura

sale-pepe-olio extra.

100 gr di pecorino fresco

50 gr di pecorino gran sardo

Le bucce dei baccelli private delle 2 costole laterali, vanno lavate e saltate in padella con le cipolline a fettine e l'aglio a pezzi, a fuoco vivo. Abbassate la fiamma e unite le bucce fatte a pezzetti, il brodo e lasciate cuocere fino a disfarsi. SE invece della crema volete farci un sugo per la pasta, procedete come sopra ma tagliate le bucce a tocchettini piccolini e unite solo il brodo sufficiente a cuocere le bucce, mantenendole un po' al dente.

 

 

 

 

Continuiamo con la crema, praticamente pronta, perchè basterà frullare il tutto e aggiustare di sale.

 

 

 

 

Io presento questo piatto mettendo sulla crema un po' di baccelli con i tocchettini di pecorino fresco, precedentemente conditi con sale olio e pepe e la "ciliegina sulla torta" in questo caso è una cialda fatta con il Gran Sardo, meraviglioso pecorino stagionato stile parmigiano, col quale potete sostituirlo senza problemi.

Velocissime anche le cialde se avete un microonde, più lunghette se fatte in padella.

 

 

 

mettete una manciatina di formaggio grattugiato su un quadrato di carta forno, dando la forma circolare. Far cuocere per 20 secondi e modellare con le mani, prima che si secchi e si spacchi (pochi secondi) la forma preferita.

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Aprile 2015 11:05