Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

COCCOLI PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara   
Domenica 18 Marzo 2012 14:27
AddThis Social Bookmark Button

Il cibo di strada


 

Come ogni preparazione con i lieviti, le trasformazioni, in cottura, son sempre diabolicamente affascinanti. Così ho deciso che per il 32esimo compleanno di Pane e Vino, la degustazione di alcuni Champagne, verrà accompagnata da quello che si può definire il "finger food" primordiale toscano: il coccolo (a forma di pallina), che diventa a sua volta, cambiando comune: pasta cresciuta, zonzelle (di forma allungata e perfette per mangiare ripiene), ficattole (romboidali e piatte) e,  a seconda delle zone, anche  gli ingredienti a loro volta, cambiano leggermente, così come cambiano gli accostamenti che vanno dal classico stracchino e prosciutto, alla nutella.

Solo 3 cose fan da pernio a questo patrimonio ormai perso (alludo alle friggitorie che si trovavano per strada e dove ho proprio "consumato" memorabili merende) e restano immutate:

farina -  lievito -  fritto.

Io i coccoli li faccio così:

200 gr di acqua

25 gr di lievito di birra

150/200 gr di farina bianca 00

Con questi ingredienti preparo il "panetto". Sciolgo il lievito nell'acqua, incorporo la farina, copro il recipiente e metto a lievitare.

Ci vogliono almeno 30 minuti per farlo lievitare, lo vedete aumentare di volume e la sua consistenza tendere al soffice.

Mentre il panetto si "trasforma" preparate

1 litro di latte fresco appena stiepidito

1 kg. di farina bianca manitoba oppure una buona farina o (io uso quella del mulino Grifoni di Montemignaio)

un cucchiaino di sale fino

Appena il panetto è pronto cominciate a stemperarlo nel latte tiepido, aggiungendo la farina setacciata e il sale. Ora deve rilievitare il tutto, sempre coperto da un panno e tenuto in un angolo caldo, e questa volta ci vorranno almeno 2 ore.

Quando vedrete l'impasto bello gonfio e compatto, fate delle palline non troppo piccole,  friggete in olio bollente e offritele, dopo averle salate.

Buon compleanno a Pane e Vino, a tutti gli Arieti, cuoca compresa, e ricordate che, ogni tanto il fritto...fa.

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Aprile 2015 11:08