Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

CARDI E POLENTA GIALLA RIPIENI PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara   
Mercoledì 25 Gennaio 2012 15:19
AddThis Social Bookmark Button

 

 

Questo che vedete sono: 2 uova - 3 patate grosse lessate, sbucciate e schiacciate (500 gr) - 200 gr di macinata di manzo - parmigiano, sale, scorza di limone grattata e prezzemolo. Un po' il classico impasto delle polpette di pelliccia (tanta patata e poca ciccia).

Io ci ho riempito le coste dei cardi puliti,  togliendo con cura tutti i fili esterni e la pellicola bianca che si trova nella parte interna delle costole, mettendoli via via in una bacinella con acqua e mezzo limone strizzato per evitare l'ossidazione; lessandoli  in acqua bollente con l'altro mezzo limone, coperti con la carta forno a contatto dell'acqua, sempre per il colore, scolandoli e asciugandoli.

Una volta farciti con il ripieno, son passati nell'uovo sbattuto e ruzzolati nel pan grattato. Si possono cuocere in forno a 180° per 20 minuti, o friggere in olio di arachide bello caldo, nella padella di ferro.

 

 

Mi piaceva abbinare i cardi con qualcosa di altrettanto invernale e godurioso e allora....polenta fritta ma con un tocco in più- Io uso la farina gialla bramata del mulino Grifoni di Montemignaio, in queste proporzioni. 500 gr di farina gialla 2 litri e mezzo di acqua, 1 cucchiaino di sale e 3 o 4 goccie d'olio, avendo cura di versare la farina a pioggia nell'acqua che sta per prendere il bollore. Si evitano così il formarsi di grumi e una volta cotta, circa 50 minuti, si stende uniformemente in una placca, ad un'altezza di 2 cm. circa. Una volta raffreddata si ricavano un tot di cerchi, usando una formina e se ne farcisce una metà con taleggio grattugiato e polvere di porcini e prezzemolo. Una volta chiuso il panino con l'altra metà, si passano nell'uovo e nel pangrattato. Si friggono in olio bollente, come i cardi.

 

 

Per la polvere di porcini, che ha una resa in profumi e sapore davvero notevole, basta pestare nel mortaio dei porcini secchi e passare il tutto ad un setaccio fine, mentre per la polvere di prezzemolo si mettono, solo le foglie, dentro un foglio di carta forno piegato, nel microonde. Basta 1 minuto circa perchè le foglie si secchino completamente; a questo punto procedere come per i funghi e otterrete una polvere verdissima e profumatissima

Anche questo piatto si presta ad una cucina di recupero (i cardi lessi e la polenta avanzata), sempre strizzando l'occhio alla tradizione con alcune varianti di forma.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Aprile 2015 11:11