Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

MINESTRA DI TENERUME PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara   
Domenica 25 Settembre 2011 08:54
AddThis Social Bookmark Button


C'è del tenero.....




Una ventina di anni fa, trastullandomi per il mercato di Sesto Fiorentino, dopo essermi rifatta gli occhi al banco delle olive, con ovvio acquisto di 3 sacchettini ai "vari gusti", son passata da quello che chiamavo, il mio banchino della verdura. Avevo fatto un'amicizia immediata, a pelle, con Adele: una simpatica siciliana che gestiva banchino, marito e relativo aiutante. Mi chiamava si donna, ma senza malevolenza, mi rispettava perchè, ero cuoca. E' così che son riuscita a metter le mani sulla mia prima cassettina di tenerume, mai visto, conosciuto o mangiato, anche lì è andata a pelle: Adele, cos'è?. Sorriso a 32 denti, un' po' di coda di pavone e una sciorinata di storie (a cominciare da Agrigento), ricette e spiegazioni che, sarebbe stato da registrare. Comunque sia, anche se ho cambiato casa, il tenerume me lo procuro lo stesso, lo pulisco e cucino con passione perchè.....come disse Montalbano ad Angelina: è leggiadro. Leggetevi o rileggetevi, il cane di terracotta, di Camilleri, la descrizione del commissario che mangia la minestra di tenerume è notevole:
"Il tinnirume, foglie e cime di cucuzzeddra siciliana, quella lunga, liscia, di un bianco appena allordato di verde, era stato cotto a puntino, era diventato di una tenerezza, di una delicatezza che Montalbano trovò addirittura struggente....". E sarà chiara pianta e provenienza.
Si tratta dei germogli delle zucchine che d'autunno, alla prime piogge, cercano ancora di produrre, si possono trovare anche in altri periodi, ma questo e di certo il migliore. Allora con la "spuntatura delle zucche", come la chiamo io, anche se lo sformatino è gustoso, così come la frittata, alla fine cucino sempre la minestra, spartana, senza soffritto e intrusioni di pancette, pomodori o pesci.
Per 6/8 scodelle:
2 mazzi di tenerume
1 mazzo di cipolline fresche
3 belle patate
olio ex- sale- peperoncino macinato fresco
quadrettini di pane tostato



Il tenerume va pulito, prendendo le foglie, le piccolissime zucchine e i germogli, poi si lava. Si mette sul fuoco la pentola con poco olio (io uso l'olio che aromatizzo con alloro, salvia e rosmarino) e le cipolline lavate e fatte a fettine (ne lascio un po' da mettere a crudo sulla minestra), dopo 2 minuti son già imbiondite e si aggiunge il tenerume e le patate sbucciate e a pezzi. Si mescola per 5 minuti e si aggiunge acqua, fino a coprire e si porta a cottura. Aggiustato si sale e peperoncino, si frulla fino ad ottenere una crema. Lo propongo con la cipollina tagliata fine, il pane e l'olio a crudo. Provate prima così, è quasi zen, poi passate alle più ricche varianti.



Ultimo aggiornamento Domenica 25 Settembre 2011 14:21