Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

'GNUDI DI PORCINI PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara   
Lunedì 20 Settembre 2010 19:16
AddThis Social Bookmark Button

'gnudi di porcini e ricotta su vellutata di ceci

Ora i funghi si comprano ad un prezzo decente,  sono saporiti e sani. Agli amanti di questo "ingrediente" non si racconta nulla e nulla c'è da inventare ma.......sperimentare è il mio mestiere.
Cosi nasce questa pasta/minestra, curiosa per consistenza ma consolidata nel gusto.







Per una decina di persone le dosi sono:
500 gr di ceci secchi
300 gr di patate lesse
300 gr ricotta di pecora
700 gr di funghi porcini freschi
150 gr di farina bianca
4 uova
aglio-salvia-sale- pepe
50 gr parmigiano grattugiato

Si lessano i ceci secchi (io sto usando quelli giganti select) che abbiamo tenuto a bagno 12 ore nell'acqua,  con aglio, salvia e niente sale. Si  scolano e si frullano,poi si passano dal colino fitto per togliere buccine ed eventuali grumi, si aggiusta di sale e pepe, tenendo il tutto da parte. Non buttate via tutta l'acqua dei ceci, vi servirà per diluire la vellutata.
Lessate 400 gr di patate.
Si puliscono i funghi: le cappelle tagliate a strisce alte 1 centimetro e i gambi a cubetti; questi ultimi si fanno trifolati: in una padella mettete olio e aglio, appena è rosolato saltarci i gambi che portiamo a cottura a fuoco moderato, unendo un trito di nipitella fresca e aggiustando di sale e pepe. I gambi cosi cotti ci serviranno per fare gli gnudi.
Le cappelle le cuocerete come i gambi cercando di tenerle intere il più possibile (è solo estetica, ma anche l'occhio......)
Prendete un recipiente e mettete 300 gr di patate lesse schiacciate, la ricotta, i gambi dei funghi frullati,  la farina setacciata, le uova e il parmigiano, controllando di sale. Questo è l'impasto degli gnudi che andrà messo in una tasca da pasticcere con una bocchetta di 2 centimetri.
Ci serve una pentola di acqua salata che bolle per farci cadere dentro l'impasto aiutandovi con un coltello per tagliarlo via via dalla tasca, e via via tirate su con la schiumarola gli gnudi cotti.
Consiglio utile: prima di mettere tutto l'impasto nella tasca, provate a cuocerne uno, se occorre aggiungere ancora farina.....
Io li spiatto cosi: in una scodella metto un romaiolo di vellutata di ceci e sopra una 15na di numero di gnudi scolati e passati nella padella con le cappelle trifolate ,un giro d'olio e un po di nipitella.
Certo è che se i porcini li andate a cercare........sarà ancora più buona!!!

{jcomments on}

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Novembre 2010 00:58