Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

TAGLIERINI PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara   
Venerdì 10 Dicembre 2010 00:06
AddThis Social Bookmark Button

SAPORE DI PASTA

maccheroni

"Marinetti dice Basta, messa al bando sia la pasta. Poi si scopre Marinetti che divora gli spaghetti."

pasta




So già che quando leggerete le dosi per questi taglierini, scuoterete la testa,  sopraffatti da immagini inquietanti di eserciti di colesterolo e altre diavolerie......
Ma, come a volte sfugge, non è che si mangian tutti giorni determinate cose, è ovvio che siano "apparecchiature particolari" alle quali però non è male saper rispondere con una certa cognizione di causa. Merita provare almeno una volta, ed è con questo spirito che vi elenco le dosi:

100 gr di farina bianca
400 gr di farina di grano duro
sale
18 tuorli, oppure 15 tuorli e  2 uova intere
1 cuccchiaio di olio ex-vergine

Tutti gli ingredienti nell'impastatrice, o in una bastardella o sul tavolo, con la farina a fontana e le uova nel centro: insomma come meglio vi sentite per lavorare il vostro impasto che dovrebbe presentarsi poroso e molto elastico. Una volta fatto riposare in frigo per 30 minuti, si tira a mano o con la macchinetta e si taglia sottile: a taglierino appunto.
Conditi con un buon burro, parmigiano, pepe e noce moscata, magari strusciando con uno spicchio di aglio il fondo della scodella caldo, magari con un po' di tartufo....



piatto di taglierinipasta

E con tutti i gusci?

L'idea di trasformarli in piccoli vasetti porta-semi può essere un simpatico modo per coinvolgere anche i bambini per insegnare loro sia l'importanza del riciclo sia quella del ciclo della natura in particolare della semina delle piante.  I gusci  svuotati  rompendo la parte in alto, lavati bene all'interno e asciugati, potrete colorarli con i pennarelli e poi riempirli con un po' di cotone idrofilo inumidito 
Ora inserite, adagiandolo sul cotone, un seme di fagiolo e adesso...ricordatevi di bagnare con poca acqua, ma quotidianamente. Vedrete nascere ben presto una piccola piantina! Si possono anche fare dei buffi mosaici, lavando, togliendo la pellicina interna e rompendo i gusci, mettendoli a colorare in bacinelle di acqua e tempere. Una volta assorbito il colore e asciugati, si incollano a vostro piacimento


e con tutte le chiare?  Spumini e  meringhe  (qui) ,  lingue di gatto  (qui), ricciarelli  (qui) e maschere di bellezza (qui)

{jcomments on}






Ultimo aggiornamento Martedì 02 Agosto 2011 10:13