Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

sott'oli PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da barbara   
Sabato 04 Settembre 2010 13:08
AddThis Social Bookmark Button

I  PEPERONCINI  TAROCCATI

 

peperoncini

Dei peperoncini di Mongetto (peperoncini tondi, farciti di acciughe in barattolini con olio extravergine) se ne ordinava uno per volta, non un barattolo ma uno di numero. Costava 1000 lire!
Era qualcosa più di un cioccolatino, perchè era salato, dolce, piccante, fresco, carnoso, acciugoso... Due centimetri di avviluppamento solare.

Copiare, Copiare, Copiare.

 

Io e Paolo, allora lavoravamo insieme a Pane e Vino e ci siamo infilati in questa avventura. E' andata nella maniera più facile (si fa per dire), comunque iniziavamo ben avvantaggiati.
Qui entra in campo, nel vero senso della parola, il sig. Palmiero, il padre di Paolo che per diletto si teneva un pezzo di terra da coltivare e qualche coniglio........
Ci siamo decisi all'impresa dopo aver  assaggiato i peperoncini fatti da Loretta e Piero, dei clienti/amici assai goduriosi  e la stima e amicizia che ci accomuna ha fatto si che tornassero a mangiare da noi portandoci  i semi del nostro “oggetto del desiderio” che era anche il loro. E' fatta, ora non ci sono più scuse !
Palmiero ci ha aiutato a piantarli ma a portarli a compimento ci ha pensato lui.......noi ad aspettare il colore rosso della maturazione e della …..passione!La passione di entrare presto in cucina al ristorante e via, barattoli sterilizzati, acciughe salate da pulire e asciugare, i peperoncini da svuotare dai semi, pianissimo senza romperli, scottarli in acqua e aceto, scolarli con altrettanta cura, a capo in giù a eliminare possibili tracce d'acqua e poi metterci l'acciughina dentro e poi nel barattoli, poi l'olio poi..........
Quando li mangiavamo ne bastava davvero uno solo per ricordare, a quel punto ridendo e scherzando, persino il bruciore alle mani, che passava anche attraverso i guanti che all'inizio ci eravamo decisi a non mettere...perchè...figurati ! ci fanno un baffo a noi un po di peperoncini e il lavoro immane che ci eravamo messi all'anima! Lo rifarei? Non lo so, so però che il prezzo virtuale dei nostri peperoncini taroccati era molto ma molto più alto di quelli del Mongetto e, ora lo posso dire, anche più buoni. Spero che le persone alle quali abbiamo regalato un vasettino, li abbiano assai gustati, e soprattutto che se ne ricordino.

se vuoi ascoltare il post recitato da barbara, clik sul pulsante play qui sotto:


{jcomments on}

Ultimo aggiornamento Martedì 14 Febbraio 2017 17:01