Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

MANDARINI O CLEMENTINI PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara   
Giovedì 11 Novembre 2010 14:43
AddThis Social Bookmark Button

mandarino, limone, arancia e carota
luzzati disegni
Direi che il succhino di frutta "multiviitaminico" è lo spunto per questo dolce. Non potevo non dire la mia a proposito delle bevande alla frutta, la prima mi sembra arancio-limone-carote (ACE), seguita dai più svariati connubi.
Così viene fuori una composizione di: mousse fatta col succo di mandarini, una salsa con scorza di limone, scorzette di arancia candite, una mini tortina di carota e un tocco di salsa di menta.
Tripudio di agrumi, il mandarino prevale e si insinua negli altri sapori, a voi scegliere i vostri preferiti, tenendo presente che, essendo succo, il "problema" semi é risolto.
Difficile dare il nome appropriato a questo dolce: non è proprio una bavarese, non è proprio una mousse, non un budino e neanche un parfait:  tutte queste categorie appartengono giustamente a diversi criteri di lavorazione, e per correttezza si cerca sempre di avvicinarsi il più possibile per cui il titolo é: parfait/mousse di mandarino, e per 6 porzioni:

400 gr di succo di mandarini strizzati e passati
2 tuorli
3 cucchiai di zucchero semolato
100 gr di latte
13 gr di colla di pesce
125 gr di panna fresca
Si spremono i mandarini e si filtrano fino ad ottenere la quantità, si lavorano bene i tuorli con lo zucchero, si aggiunge il latte caldo nel quale abbiamo sciolto la colla di pesce ammorbidita in acqua fredda, e mescolando bene aggiungiamo il succo di mandarino. Deve raffreddare nel frigo circa 1 ora, vi serve una consistenza come di crema sostenuta per amalgamare delicatamente, mescolando dall'alto verso il basso, la panna montata. Ora a piacer vostro riempite uno stampo unico o 6 monoporzione e rimettete in frigo a solidificarsi. Per toglierlo dallo stampo, immergete per pochi secondi nell'acqua calda e capovolgete sul piatto, facendo entrare aria, scostando il bordo con un coltellino meglio se tondo, tipo spalmaburro.
Decidete voi come servirlo, questo é il mio gioco al quale ho anche aggiunto un croccante sottile agli anacardi, ma le possibilità sono parecchie. Se vi cimentate, raccontatemi il vostro.

{jcomments on}

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Novembre 2010 12:13