Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

MAZZANCOLLE PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara Zattoni   
Mercoledì 13 Gennaio 2016 22:35
AddThis Social Bookmark Button

 

MAZZANCOLLE

o gamberi reali

 


 

Sono due crostacei molto simili nella forma e nel sapore. Entrambi hanno un bassissimo contenuto di grassi e quindi un basso apporto di calorie ma sono ricchi di sostanze nutritive come fosforo, calcio, ferro, sodio e vitamine A, B (tiamina) e C.E tutto ciò ci piace assai.

La polpa è delicata e richiede brevi tempi di cottura. Ottime alla griglia, saltate in padelle intere col guscio; sgusciate, impastellate e fritte, oppure arrotolate in fette di lardo o prosciutto dolce e anche per un sontuoso risotto.

Nelle ultime tre prepazazioni ai crostacei va tolto il carapace (il guscio), questi ultimi vanno lessati insieme a sedano, cipolla o porro, prezzemolo e alloro per allestire un brodo di pesce che servirà per gli "involtini" o per cuocere il riso.

 


Per le mazzancolle in padella basta pochissimo: padella con poco olio evo, aglio, salvia e rosmarino. Una volta scaldato l'olio mettete gli aromi e poco dopo aggiungete il pesce. Due minuti per lato basteranno, sfumate con vino bianco, fate rapprendere e servite con una bella spolverata di pepe.

Per gli involtini procuratevi lardo o prosciutto crudo dolce e con mezza fetta avolgete uno per uno le mazzancolle sgusciate e allestite in una pentola a fuoco allegro il brodo di pesce con i carapaci e gli aromi. Per pulire le mazzancolle togliete la testa e aprite delicatamente gli anelli che formano il guscio, scoprite la coda e sfilala. Per eliminare facilmente il filamento nero intestinale aiutatevi con la punta di un coltellino.

 


Quando i gusci nel brodo ormai ristretto, saranno ben sfatti passate il tutto al passaverdure; ora mettete sul fuoco vivace la padella con olio e aglio, una volta rosolato aggiungete i vostri involtini (se fate un giro di lardo o altro non importa fermarli con lo stuzzicadenti) cuocete due minuti da ambo le parti, sfumate con vino bianco e lasciate evaporare. E' il momento di aggiungere il brodo e di alzare la fiamma. Togliete le mazzancolle e addensate la salsa con poca maizena sciolta in poca acqua fredda. Sistemate il pesce su vassoio o piatti, irrorando con sugo. Ottimo con contorno di carciofi o crudità di verdure accompagnate da cous cous o quinoa...

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Gennaio 2016 23:29