Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

TAGLIATELLE AI 3 GRANI IN GARMUGIA PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara   
Sabato 13 Aprile 2013 08:30
AddThis Social Bookmark Button

 

 

Della garmugia vi ho abbondantemente parlato e troverete la ricetta (qui) come la minestra di bucce di piselli (qui). Sta di fatto che se primavera incombe, la voglia di "brucare foglioline" e rigenerarsi è tanta. Allora vi propongo un nuovo utilizzo degli stessi ingredienti.

Come per la garmugia, si cuociono separate le verdure: carciofi, piselli, asparagi e baccelli. E siccome il "recupero", spero sia entrato a far parte della vostra vita, i gambi dei carciofi, quelli più duri degli asparagi e le bucce di piselli e baccelli, son finiti in pentola a rosolare con una cipollina fresca, e arriveranno a cottura aggiungendo del brodo di verdure. Una volta passato il tutto al passaverdure, si aggiusta di sale, pepe, menta fresca, prezzemolo, un goccio di olio. Questa crema, messa in padella, servirà per saltarci le tagliatelle cotte a puntino e scolate; mettete poi la pasta così condita in piatti o vassoio. Sopra si guarnisce con tutte le verdure cotte prima, un giro d'olio e per chi desidera, il parmigiano.

Per le tagliatelle:

farina bianca 00 150 gr.

farina grano duro 200 gr.

farina di grano saraceno 75 gr.

farina di farro 75 gr.

4 uova + 1 tuorlo (uova grandi minura 63/73

sale fino (9 gr. circa)

1 cucchiaino di olio evo.

Mescolate in una bastardella le 2 farine, le uova, il sale (circa 7 gr) e cominciate ad impastare, fino a raggiungere la consistenza elastica e compatta, ma non troppo dura. Avvolgere nella pellicola e far riposare in frigo per 30 minuti. Potete anche mettere le farine su un piano d'acciaio o sulla spianatoia, a mo' di vulcano e ricavare nel centro un po' di posto dove aggiungere le uova, il sale e l'olio. Cominciate a sbattere le uova con una forchetta e via via incorporate la farina. Appena avrete ottenuto una consistenza che lo consenta, lasciate la forchetta e cominciate a impastare con le mani. Il resto come sopra.

Ora sta a voi scegliere di tirare la pasta con la macchinetta o col mattarello. più alta o più bassa, come più vi piace, io la lascerei altina e procedete come spiegato all'inizio.

 

Buona primavera a tutti.

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Aprile 2015 11:13