Benvenuti nel sito del Ristorante

- aperto - open 19.30 - 01.00 - closed on the sunday - chiuso domenica - (aperto a pranzo soltanto con prenotazione per gruppi, anche piccoli)

Ristorante Enoteca

Firenze Centro Storico

Piazza di Cestello 3/r
Firenze

paneevino@yahoo.it

0552476956

p.iva 03600610483

GNOCCHI DI CASTAGNE COL SUGO FINTO PDF Stampa E-mail
il blog di barbara - la cuoca di Pane e Vino
Scritto da Barbara   
Lunedì 17 Dicembre 2012 11:59
AddThis Social Bookmark Button

 

 

 

Un piatto sontuoso, nell' apparente povertà degli ingredienti. Sdoganato completamente dalla "condizione" di sottomarca e non più solo geniale scimmiottamento di situazioni più agiate, rivendica tutta la saggezza del cucinare.

Continua così il mio elogio alla castagna, il "frutto secco", "il cereale che cresce sull'albero", al quale si deve la sopravvivenza di una larga fascia di popolazione della montagna italiana.

Per circa 8 porzioni di gnocchi:

750 gr di patate lesse

200 gr di farina di castagne

100 gr di farina bianca 00

1 uovo-sale-pepe nero

Si lessano, si pelano e si schiacciano le patate ancora ben calde. Si uniscono tutti gli altri ingredienti e si lavora per ottenere un impasto omogeneo che verrà fatto riposare una mezzo'ora.

 

 

Una volta freddo lo si divide in 5 o 6 pezzi, da ciascuno se ne ricavano lunghi "grissini" della grandezza di un dito, facendo scorrere l'impasto sul piano infarinato, pressandoli e rotolandoli con il palmo di entrambi le mani. Si tagliano a tocchetti di circa un centimetro e si lessano in acqua bollente e salata, finchè non vengono a galla.

 

 

 

Questa volta li condiamo col "sugo finto". Hai presente il ragù? Si ?. E questo è senza carne.

In effetti è così ma quando lo assaggerete, se fatto bene, della carne non sentirete alcun rimpianto e lo comincerete a chiamare: ragù di verdure.

Le dosi sono inutili: sedano-carote-cipolle-pomodoro-olio-alloro-(pezzo di prosciutto o pancetta facoltativo)-sale e pepe- vino rosso.

E' fatto a coltello il battuto, dopo aver tolto la parte centrale più dura della carota e aver tolto i fili più grossi dalle costole del sedano (con un coltellino si incide superficialmente partendo dal fondo e tirando verso di voi, così come per gobbi e cardi).

 

 

 

Ora mettete un po' di olio, alloro e  pancetta nel vostro tegame da sughi. Unite le verdure tritate e cominciate a rosolarle a fuoco medio, girando ogni tanto.

 

 

 

dopo circa 20 minuti di rosolamento, sfumate con vino rosso e abbasate il fuoco dopo che sarà evaporato. Continuate per 30 minuti la cottura, aggiungendo salsa di pomodoro e aggiustando di sale e pepe. Otterrete quasi una salsa, cremosa ma consistente da poter usare con svariati tipi di pasta ma, insieme al sapore della patata e della castagna, la "collocazione" risulta superba.

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Aprile 2015 10:49